Comune di Cremona



Riconoscimento titoli di studio stranieri

Riconoscimento dei titoli di studio non universitari

In generale, il riconoscimento dei titoli di studio non universitari può essere richiesto:
a) per potersi iscrivere a un istituto di istruzione secondaria (scuola media inferiore o scuola media superiore) o a corsi di formazione professionale;
b) per iscriversi all’Università;
c) per svolgere eventualmente un lavoro che richieda un diploma.

La domanda per il riconoscimento dell’eguaglianza di valore e di efficacia (equipollenza) del titolo di studio conseguito all’estero o nel paese di provenienza si presenta
tramite l’Ufficio studenti del Consolato, presentando i seguenti documenti:
a) diploma o certificato in originale o debitamente reso ufficiale;
b) traduzione del documento in italiano, fedele e conforme al testo originale.

Per potersi iscrivere agli istituti scolastici non universitari
I minori stranieri presenti possono richiedere l’iscrizione alle scuole italiane in qualunque periodo dell’anno scolastico; nel caso di mancanza, incompletezza o irregolarità della documentazione anagrafica si può richiedere l’iscrizione con riserva e conseguire i titoli conclusivi degli studi previa verifica dei dati anagrafici.

Scuole secondarie di I grado
Per iscriversi è necessario aver concluso la scuola primaria in Italia (o possedere un titolo equivalente conseguito nel Paese d’origine) e presentare:
a) il certificato delle vaccinazioni obbligatorie;
b) il certificato di nascita;
c) la documentazione delle valutazioni scolastiche ottenute nel paese di origine.
L’iscrizione sarà alla classe corrispondente all’età anagrafica del minore, salvo diverse determinazioni del collegio dei docenti sulla base del diverso ordinamento
degli studi, della preparazione del minore, del corso di studi svolto, del titolo di studi posseduto.

Scuole secondarie di II grado
La domanda di iscrizione si presenta direttamente alla scuola prescelta, a condizione di essere in possesso dei requisiti seguenti:
a) età non inferiore rispetto a quella minima prevista per accedere all’istituto;
b) titolo di studio conseguito in scuole estere riconosciuto dall’Ufficio studenti del
Consolato;
c) preparazione sul programma scolastico della classe cui si richiede l’iscrizione.
Al Consiglio di classe spetta la decisione sull’accettazione della domanda e l’eventuale necessità di prove di ingresso.

Iscriversi all’Università
La domanda di iscrizione (ad un solo corso di laurea) può essere presentata da cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia, cittadini comunitari ovunque residenti e rifugiati politici in possesso di un titolo di studio conseguito all’estero o di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado conseguito presso le scuole italiane all’estero.

Titoli di studio esteri validi per l’accesso alle università
Diplomi italiani di istruzione secondaria di secondo grado ovvero titoli di studio di scuole straniere o internazionali


È necessario allegare alla domanda:
a) titolo finale degli studi secondari rilasciato dalle autorità estere con traduzione ufficiale in lingua italiana;
b) certificato attestante il superamento della prova di idoneità accademica, se previsto dall’Università del Paese di provenienza.
L’eventuale domanda di abbreviazione del corso, possibile per chi ha già sostenuto degli esami nel Paese d’origine, richiede:
a) titolo finale degli studi secondari (originale per i cittadini non comunitari; fotocopia autenticata per i cittadini comunitari);
b) dichiarazione di equipollenza del titolo finale degli studi secondari rilasciata dalla Rappresentanza diplomatica italiana presente nel Paese in cui è stato conseguito il titolo;
c) piano di studi universitario (materie seguite ed ore frequentate per ognuna, esami sostenuti con votazione);
d) programmi degli esami sostenuti.

Coloro che abbiano conseguito un diploma di istruzione secondaria in Italia possono accedere all’Università con le stesse modalità previste per i cittadini italiani.

Riconoscimento del titolo di studio universitario
Il riconoscimento dei titoli serve a:
a) iscriversi alla laurea specialistica;
b) proseguire gli studi universitari (master, dottorato di ricerca);
c) svolgere lavori che richiedono titoli di studio universitari.

L’equipollenza del titolo di studio universitario conseguito all’estero si ottiene, quando non si è ancora arrivati in Italia, presentando documentazione e domanda
di riconoscimento alla Rappresentanza diplomatica italiana presente nel Paese di provenienza se non si è ancora arrivati in Italia.
I cittadini regolarmente soggiornanti in Italia, possono richiedere l’equipollenza della laurea conseguita all’estero direttamente all’Università presentando:
a) titolo finale degli studi secondari (originale per i cittadini non comunitari; fotocopia autenticata per i cittadini comunitari);
b) titolo universitario conseguito (meglio se in originale);
c) dichiarazione di equipollenza di entrambi i titoli di studio rilasciata dalla Rappresentanza diplomatica italiana presente nel Paese in cui è stato conseguito il titolo;
d) piano di studi universitario (materie seguite e numero di ore frequentate, esami sostenuti con rispettiva votazione);
e) programmi degli esami sostenuti.

Potrebbe rendersi necessaria la traduzione ufficiale in lingua italiana e la legalizzazione consolare dei documenti elencati. Il riconoscimento della laurea non è automatico e la legge 11 luglio 2002, n. 148 prevede un’integrazione del proprio percorso di studi universitari: in tal caso è necessario iscriversi all’Università (sostenendo alcuni esami, discutendo la tesi e, a volte, svolgendo laboratori o tirocini).
Le specifiche modalità verranno individuate da una Commissione di valutazione dei curricula (straniero ed italiano) e l’Università dovrà comunicare l’esito della richiesta entro 90 giorni.
Sebbene non sia obbligatorio sostenere alcun test di italiano, potrebbe essere necessario sostenerne uno d’ingresso in alcune Università.

Come ottengo la traduzione asseverata del titolo di studio straniero?

Per ottenere la traduzione asseverata del titolo di studio straniero puoi rivolgerti: ad un traduttore ufficiale, iscritto all’Albo dei Traduttori, oppure, ad una persona (straniera o italiana) esperta nella lingua straniera. Per ottenere l’asseverazione della traduzione, il traduttore dovrà presentarsi all’Ufficio Atti Notori e Asseverazioni del Tribunale in possesso di: il titolo di studio straniero, la traduzione in italiano del titolo di studio straniero in carta semplice, le marche da bollo necessarie all’asseverazione, un documento d’identità.

(da "Guida alla cittadinanza, ai servizi ed al lavoro per giovani stranieri" a cura del Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Solco Srl)

Utilità

Per avere informazioni sul riconoscimento dei titoli di studio o professionali il riferimento in Italia è:
CIMEA - Centro per la mobilità e il riconoscimento dei titoli stranieri
Viale Ventuno Aprile, 36
00162 Roma
Tel. 06 86321281 – fax 06 86322845 – cimea@fondazionerui.it

Procedure per ottenere l'attestato di comparabilità del titolo estero

Rete Informativa promossa dalla Commissione Europea, dal Consiglio d’Europa e dall’UNESCO

Riconoscimento Titoli stranieri Professioni sanitarie
Éupolis Lombardia è autorizzato da Regione Lombardia a svolgere l'attività istruttoria, per conto del Ministero della Salute, per il riconoscimento in Italia dei titoli di studio conseguiti presso Paesi non Europei. I titoli di cui è possibile chiedere il riconoscimento tramite Éupolis Lombardia sono quelli relativi alla professione di Infermiere, Ostetrica e Tecnico sanitario di radiologia. Per tutti gli altri titoli non menzionati è necessario informarsi direttamente presso il Ministero della Salute


pagina in fase di aggiornamento



Home  >  Riconoscimento titoli di studio stranieri
Data ultima modifica: 10-11-2017
Indirizzo: http://www.orientainweb.it/index.php?module=PostCE&func=display&ceid=87&meid=-1